SOTTOSEZIONE DEL CAI - TORINO

Santuario de la Clavalité 2530 m

Valtournanche

26 marzo 2017 
Cheneil

Date le previsioni meteo molto incerte, ci troviamo costretti a cambiare la meta della ciaspolata domenicale: scegliamo una gita in Valle d’Aosta con partenza dal bellissimo paese di Cheneil diretta al Santuario de la Clavalitè, che si trova su un colletto. Siamo in 12 al solito ritrovo del Maffei, ancora assonnati visto che c’è stato il cambio dell’orario legale; piove! Pioggia continua fino al bivio dopo Champorcher, poi nevischio. A circa metà salita, incrociamo un mezzo spalaneve, perché la strada si è già coperta parzialmente di neve. Proseguiamo con qualche timore fino al parcheggio e con difficoltà riusciamo anche a sistemare le auto, e continua a nevicare! Intorno a noi l’ambiente è decisamente invernale. Dopo il test degli ARVA partiamo, mentre Luisa preferisce tenere compagnia alla cagnetta Bimba, che con la nevicata avrebbe avuto difficoltà, ed entrambe ci aspettano. Dopo 10 minuti traversiamo la bella piana di Cheneil, ricoperta da tanta neve, fino ai cartelli indicatori del sentiero verso il Colle di Nanaz. Prima di noi son passati solamente una coppia di sci alpinisti. Sfruttiamo le loro piste, altrimenti avrei dovuto battere pista! Gli alberi son tutti carichi di neve, il paesaggio è molto bello. Superato il bosco, ci troviamo in campo aperto, quindi svoltiamo a destra per pendii più ripidi. L’intensità della nevicata comincia a diminuire e quando arriviamo al Colle praticamente non nevica più; anzi, esce un bel sole! Riuniti tutti presso il Santuario, proseguiamo per un piccolo dosso per veder meglio i panorami intorno a noi delle cime che circondano la conca di Cheneil: la Roisetta, Gran e Petit Tournalin, Becca Trecare, Becca di Nana e facciamo un po’ di foto. Ricordiamo che a Cheneil c’è il ristorante aperto, tanto per cambiare qualcuno è propenso per una polenta calda e incominciamo la discesa. Incrociamo la Scuola Mentigazzi, che sta facendo l’ultima uscita del corso invernale, salutiamo gli amici istruttori e proseguiamo fino al paesino. La gita è andata benissimo, nonostante le difficoltà iniziali con le auto: abbiamo fatto una ciaspolata magnifica sotto una bella nevicata mattutina, seguita da un bel sole; insomma della serie “cosa vuoi più della vita”! Arrivederci alle prossime.

Testo e foto Antonio Carretta

Galleria foto