SOTTOSEZIONE DEL CAI - TORINO

Colle di Prà Lorenzo

Valli di Lanzo

Ottobre: è terminata la stagione escursionistica importante. È il tempo delle riflessioni, ma anche quella per riscoprire le splendide occasioni offerte da mete vicine alla nostra città. Così raggiungiamo Villa di Traves (632 m), Valle Stura di Lanzo, a soli 40 minuti da Torino, con l’obiettivo di percorrere un anello con meta Colle di Prà Lorenzo (1388 m), lungo una vallata boscosa ed impervia, che non lesinerà impegno ai 14 partecipanti. L’escursione ci permette anche di percorrere luoghi significativi della storia della nostra città. Innanzitutto Traves, un tempo industriosa e famosa per l’attività dei suoi “chiodaioli”, ricordati da un monumento alla base del campanile. L’andata al Colle si svolge lungo un tratto del “Sentiero Piergiorgio Frassati”: questo è proprio quello dell’ultima ascensione del giovane Piergiorgio. Da Villa, si passa prima per l’accogliente Pian Bacon, lungo una muschiosa mulattiera nel fitto bosco; poi, lungo il sentiero che porta anche alla palestra delle Lunelle, che lasciamo poi a destra, iniziamo la traversata dei “ciaplè” sotto l’Uja di Calcante. L’accidentato e non troppo evidente sentiero è percorso sotto un tiepido ma ristoratore sole. Al Colle sostiamo godendoci il panorama delle catene imbiancate delle basse valli Stura e Ceronda. Il ritorno si svolge lungo il “Sentiero dei Resistenti”, che è un tratto di un tour che attraversa tutta la provincia di Torino, toccando luoghi significativi delle memorie Partigiane in nove tappe. Dal Colle, lungo un intricatissimo e malagevole sentiero, raggiungiamo Case Bramafam (1100 m). Isolatissime in mezzo ad una fitta vegetazione, ma vicine ad abbondanti fonti d’acqua, luogo ideale per nascondersi durante la guerra partigiana: un cartello esplicativo ne racconta la storia; qui si sono nascosti anche un gruppo di soldati inglesi sfuggiti ai tedeschi. Quindi scendiamo incontrando alcune borgate abbandonate, raggiungendo case Figiai, da dove risaliamo a Pian Bacon, ricongiungendoci al sentiero di partenza per il rientro a Villa di Traves. Vi arriviamo affaticati, ma non disdegniamo una sosta per un ristoro e i saluti. Un ringraziamento a tutti i partecipanti, e spero di aver fornito loro, oltre che una bella gita, alcuni spunti per approfondire i tour e gli argomenti storici menzionati.

Maurizio Bortott
Foto di Maurizio Bortott e Antonio Carretta

Galleria foto