SOTTOSEZIONE DEL CAI - TORINO

Sentiero delle Anime

Vachiusella

21 ottobre 2018 
Traversella 821 m

Ci siamo ritrovati in 6 partecipanti, compresi i due capogita, davanti all’ex istituto Maffei di Corso Regina Margherita 304 di Torino.

Appena organizzati i due equipaggi delle automobili siamo partiti alle 07:00, come prefissato, direzione Valchiusella. Ci siamo immessi in corso Potenza, per poi imboccare la tangenziale allo svincolo di Borgaro, e proseguire sul raccordo autostradale di Caselle fino all’uscita n° 3 (Cartello Parco Gran Paradiso). Proseguendo sulla SS 460 siamo giunti a Rivarolo dove, al primo semaforo, abbiamo girato a destra per prendere la circonvallazione e continuare in direzione Ozegna. Fatti ancora alcuni chilometri dopo Ozegna si è presa la SS 565, direzione Ivrea, e al primo incrocio che abbiamo troviamo, dopo aver superato il ponte sul Chiusella, abbiamo girato a sinistra (Cartelli direzione Strambinello, Val Chiusella). Salendo per la valle, superati i paesi di Vistrorio e Meugliano, arriviamo a Traversella (831 m) verso le 08:30 e, seguendo le indicazioni per il centro del paese, parcheggiamo le automobili poco prima della piazza Cavour. Qui ci congiungiamo con altri quattro partecipanti che ci stavano aspettando, e dopo una piccola pausa caffè nel bar vicino alla piazza, siamo pronti a iniziare l’escursione.

Seguendo l’indicazione riportata su un cartello, imbocchiamo la via Monte Marte che ci conduce all’inizio del sentiero 729. Il primo tratto del sentiero è lastricato, con pietre poste a gradoni, che ci permettono di salire agevolmente e di portarci ad un primo incrocio con il sentiero n 730 (Sentiero dei Cantoni); ignorando l’indicazione che ci farebbe seguire il sentiero 730, saliamo direzione rifugio Piazza (1050 m). Superato il rifugio Piazza, si prosegue sul sentiero 729 (sentiero delle Anime); il sentiero prosegue a mezza costa salendo dolcemente, e tocca i siti con incisioni rupestri, tutti indicati con cartelli numerati e riportanti le indicazioni necessarie a localizzare le incisioni sulle rocce. In successione vediamo le incisioni denominate Ròch ed Tòni (3), Traunt (4 e 5), Mont ed Rivelle (6), Ròch al Rivelle (7) e Carette (8).

Dopo circa 2 ore arriviamo verso le 11:45 ai Piani di Cappia(1345 m) e lì decidiamo di fare la pausa pranzo e rilassarci un po'. Ai piani di Cappia si ha una bella vista della valle e del paese di Succinto che si trova sotto di noi.

Alle 13:00 ci rimettiamo in marcia e, dopo aver superato alcune baite e una cappella votiva, scendiamo in ripida discesa verso Cappia (1179 mt), che raggiungiamo e dove, davanti alla chiesetta facciamo le foto di gruppo a ricordo dell’escursione. Proseguiamo a sinistra della chiesetta imboccando il sentiero n° 730, direzione Traversella. La prima parte del sentiero procede tra due muretti di pietre, che presto terminano lasciandoci su un’ampia mulattiera; il sentiero 730 fa parte di un anello che tocca tutte le borgate della zona su ambo i versanti della valle e che prende il nome di Sentiero dei Cantoni. Proseguiamo sul sentiero tra boschi di betulle e praterie di felci, fino ad arrivare all’incrocio con il sentiero, che porta al borgo Chiara; qui, ignorando l’indicazione, proseguiamo a sinistra fino ad arrivare a una radura con una baita con affresco. Da qui in 20 minuti, dopo aver superato altre baite, arriviamo all’incrocio con il sentiero n° 729 e si scende direzione Traversella ripercorrendo il tratto fatto in salita. L’escursione termina verso le 15:45.

Per tutta l’escursione si è goduto di un clima mite, e di una giornata soleggiata, sebbene già a ottobre inoltrato; inoltre il cammino è stato allietato dal ritrovamento casuale di funghi mangerecci e da molte castagne, che si trovavano sul sentiero e invitavano alla raccolta.

Davide Signetto
Foto di Marialuisa Cravero

Galleria foto