SOTTOSEZIONE DEL CAI - TORINO

Anello colle Portia 1322 m e colle Lunella 1372 m

Valdellatorre

8 aprile 2018 
Molino di Punta

Veramente questa, secondo il calendario gite, doveva essere la prima gita escursionistica della stagione, essendo programmata il 25 febbraio, ma il tempo bizzarro di questa stagione l’ha fatta rimandare all’8 di aprile causa la troppa neve venuta alla Madonna della Bassa. L’itinerario perciò è stato cambiato.
Gli undici partecipanti, dei quali quattro sono delle nuove conoscenze, più la mascotte Bimba, si sono dati appuntamento a Brione, come di consueto al bar – questa volta non per il solito caffè ma con l’imbarazzo della scelta tra tramezzini, cornetti e varie leccornie di alta pasticceria; la gita è stata subito apprezzata…

La partenza è da Molino di Punta, l’ultima frazione di Valdellatorre, con la voglia di fare comunque una bella escursione anche se la giornata non è proprio primaverile.
La mulattiera verso il colle della Portia, a tratti più agevole a altri meno, attraversa dei boschi di querce, betulle e larici ancora completamente spogli di foglie e aghi; il sottobosco ha rari fiori tra l’erba cavallina dell’anno scorso lunga e secca.
Giungiamo dopo due ore e mezza al colle della Portia, dove vi è un piccolo ricovero sempre aperto. C’è ancora neve e abbiamo la sorpresa di vedere una tendina nella quale due coraggiosi hanno appena trascorso la notte.
Il cielo già nuvoloso al mattino diventa sempre più grigio. Prendiamo il sentiero, a tratti non ben evidente per il colle della Lunella e dopo circa quaranta minuti giungiamo ad alcune baite ormai diroccate, dove mangiamo. Anche al colle Lunella vi è ancora neve, così come lungo la sommità di cresta. Mentre mangiamo ci raggiungono due escursionisti del CAI di Valdellatorre con vernice blu e pennelli. Veniamo così a sapere che domenica prossima 15 aprile si terrà una “maratona di 42 km con dislivello di 2.800m” da Valdellatorre a Casellette, percorrendo tutte le creste sino al Musinè. I due sono addetti a tracciare il percorso, ma sono perplessi perché lungo l’itinerario vi è ancora neve. Proseguiamo ora in discesa su un altro versante a completare il percorso ad anello.
La mulattiera e i sentieri che abbiamo percorso, essendo esposti a sud/est, sono privi di neve ma con abbondanti sorgenti che a volte ne invadono il percorso.
Raggiungiamo così, tra alcuni boschi con tracce di incendi, il punto di partenza, dove come ormai di consueto brindiamo con dolci e vino alla gita riuscita. Siamo contenti e dandoci appuntamento “alla prossima” , ringraziamo Marialuisa e Mario che ci hanno fatto conoscere un tratto di montagna vicino a Torino.

Silvia Balliano
Foto di Antonio Carretta

Galleria foto