SOTTOSEZIONE DEL CAI - TORINO

ARCHIVIO GITE 2013: Punta Golai

Per domenica 22 settembre il programma gite prevedeva il Pic de Rochebrune nel Brianconnais, ma poiché la settimana precedente era stata caratterizzata da un breve episodio perturbato con caduta neve sopra i 3000 m dopo un breve consulto abbiamo deciso di ripiegare su una cima più bassa e con percorso escursionistico. La scelta è caduta su Punta Golai in val d’Ala (2.819 m.s.l.m.) una vetta poco frequentata situata tra la Torre d’Ovarda e la Punta Chiavesso. Partiamo con comodo in una dozzina da Venaria domenica mattina alle 7 e dopo aver effettuato una sosta al bar di Ala di Stura siamo pronti per partire verso le 8.30 da frazione Cornetti di Balme.
Il percorso è piacevole e dopo aver toccato i laghi Verdi e il bivacco Gandolfo giungiamo al passo Paschiet. Da qui una ripida traccia contrassegnata da ometti conduce alla panoramica vetta. La visibilità è buona, spuntano dal mare di nuvole sottostante tutte le vette sopra i 2900 m: la severa parete nord della Torre d’Ovarda sembra lì a un passo, mentre il Viso e il massiccio del Rosa spuntano in lontananza. Dopo una lunga sosta in vetta ci avviamo verso le auto che raggiungiamo nel tardo pomeriggio. I partecipanti sono stati tutti soddisfatti e questo non può che farci piacere.

Marco Barosso e Roberto Sarnini

Galleria foto

© Foto di Marco Barosso