SOTTOSEZIONE DEL CAI - TORINO

ARCHIVIO GITE 2013: Punta Cia alla Cialma

15 dicembre 2013 Bella la gita annullata.
Sì è così, non viene nessuno - annullo la gita.
Giovedì tutti impegnati nella riunione annuale GEAT, distratti dalle relazioni annuali e dalla tavolata piena di leccornie “ma chi pensa a venire a tribolare con le ciaspole domenica mattina e poi … farà freddo , la neve sarà crostosa, non ha più nevicato …e affioreranno le pietre”.
Venerdì sera dopo alcune probabili iscrizioni tramite email non vi è alcuna indicazione precisa di iscrizioni e così annullo la gita.
Ma la domenica si annuncia con il bel tempo , certo non staremo i casa ed io con Silvia andremo alla Cialma. N.B.: per la precisione la punta il nome è “punta Cia” (posta in sostituzione alla Fournier).
Sabato sera ricevo due messaggi di partecipazione di due soci UGET. Annuncio che la gita è annullata, fa niente verrebbero ugualmente con noi due perché non sono mai stati alla Cialma, e ancora a notte mi telefona Antonio …vengo anch’io.
Puntuali al bar di Locana alle 8,30; alle 9 partiamo dal piazzale dello skilift della piccola stazione sciistica. Il cielo terso, le vette hanno appena dismesso i colori rosa dell’alba. Non fa freddo, non una nuvola, il panorama in progressione verso la vetta dal Gran Paradiso. La Cima della Cialma è un’ottimo punto panoramico. Si sale benissimo. Antonio continua a fotografare. Davanti a noi le montagne e pareti degli scalatori “degli ultimi scarponi anni 60”. Al centro il gruppo Sud del Gran Paradiso , la descrizione delle varie cime e vallate , un percorso immaginario ci porta alla diga di Valsoera al nostro rifugio Pocchiola Meneghello.
È una bella gita facile e appagante a due passi da Torino.
Alle 14,30 ci salutiamo alle auto con un frizzante bianchetto con gli AUGURI di buon Natale e Buon Anno.
P.S.: notizia dal bar di Locana: estate 2014 apertura del Rifugio Alpino Santa Pulenta, località Cambrelle 1363 m - vallone del silenzio -. Prendiamo nota, ci servirà per passeggiate e traversate primaverili o autunnali. Sono in corso i lavori e si possono seguire sul sito www.rifugio.cambrelle.com, con belle fotografie della borgata di Cambrelle.

Gianfranco Rapetta

Galleria foto

© Foto di Antonio Carretta